La Storia del Gioco del Ponte/2

June 9, 2018

Le Parti si schieravano in corrispondenza dell'antenna che segnava la mezzeria del Ponte "impostando" le proprie schiere secondo precisi schemi per attuare specifiche tattiche militari.

Le "tecniche di guerra" nel corso dei secoli subirono un lento e graduale cambiamento.

Nell'Oplomachia del Borghi viene chiaramente indicato l'utilizzo di due "Forti" o "Affronti" per ciascuna parte, che, composti da 60 soldati ciascuno, venivano posti in mezzo al ponte (a delimitare il territorio di competenza) per fare da torri, impedendo l'accesso nel proprio campo ai soldati nemici.

Tra i forti rimaneva uno stretto corridoio, la "Buca", nel quale venivano inviati altri gruppi di soldati, affiancati dai "Celatini": combattenti leggeri, che avevano il compito di sgretolare i forti avversari, catturare i soldati nemici e trascinarli nel proprio Campo.

 

Lo studio delle tattiche per l'impostazione dei forti, dei Celatini, e delle altre truppe fresche di rinforzo era di competenza del Generale e del proprio Consiglio di Guerra.

L'affermarsi di alcune consuetudini, portarono alla codifica di una serie di stratagemmi: far indietreggiare un proprio "forte" per invitare in avanti il nemico, prenderlo su di un fianco e catturarne il maggior numero possibile di uomini; oppure impostare un falso "forte", magari scambiando le sopravvesti dei soldati, per intervenire poi massicciamente a sorpresa. 

La durata dei combattimenti, che in origine era di due ore, venne poi fissata in 45', al termine dei quali si cercava di "far Bastione" utilizzando tutte le truppe disponibili in un ultimo sforzo, per mantenere il terreno conquistato o per cercare di recuperare quello perduto. 

 

Con il passare delle edizioni, il combattimento impostato sui due "forti" si trasformò in uno scontro con un'unica falange.

La falange doveva cercare di restare sempre intatta, coperta e protetta da altre truppe che fungevano da "fodera".

Così si puntava soprattutto alla conservazione del terreno, assicurandosi innanzitutto la sicurezza di non perdere.

L'ingresso di truppe fresche era ridotto a sei uomini ogni due minuti in soccorso del "forte".

I combattimenti assunsero pertanto una forma più statica, ma non per questo meno spettacolare.

Quando l'equilibrio si rompeva potevano verificarsi clamorose vittorie, come quella conseguita da Mezzogiorno nel 1716, che in meno di 25 minuti riuscì a disperdere il forte nemico, facendo ben 265 prigionieri. 


Con il passare degli anni, la presenza Medicea nel Gioco rallentò, dando spazio ad una maggiore autonomia della nobiltà e borghesia pisana che aveva sempre considerato il Gioco del Ponte elemento di "pisanità", quasi una rivincita, anche se occasionale, sul destino che aveva visto Pisa, un tempo città stato, soggetta alla dominazione fiorentina.

Questo desiderio di autonomia, e l'esasperarsi dell'agonismo sul Ponte, resero il Gioco del Ponte poco gradito a Pietro Leopoldo, Granduca di Toscana, tanto che dopo una sfarzosa edizione del 1785, favorita per motivi strettamente politici, il sovrano non concesse più il permesso di effettuare la famosa Battaglia, che conoscerà così il suo primo lungo periodo di interruzione, fino al 1807.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

© 2017 by IEATinTUSCANY! - ieatintuscany@gmail.com

  • Black Facebook Icon
  • Black Instagram Icon
  • Black Twitter Icon